In cerca di …Enrico IV

Liberamente tratto da Enrico IV di L. Pirandello

Regia e drammaturgia: Matteo Tarasco

Genere: Commedia

Durata: 60 min

Interpreti: Cristiano Cardin, Enrico Dota, Pasquale Locurcio, Mario Maschio.

Assistenti: Lara Tonon, Federica Rosellini.

Durata: 60 minuti.

Prima rappresentazione il 1 maggio 2008.

La nostra storia, liberamente ispirata a “Enrico IV” di Luigi Pirandello, racconta le vicende dei quattro attori finti consiglieri segreti dell’imperatore (Lolo, Franco, Momo e Fino) nei momenti durante i quali non sono in scena nella sala del trono e nell’altra sala della villa dove si svolge il dramma pirandelliano. L’ambientazione è la spoglia saletta d’attesa, comunicante con l’esterno da una parte e con il guardaroba ed il resto della reggia dall’altra, dove i quattro attori passano il tempo attendendo il segnale di emergenza che li chiama al servizio di Enrico IV.

Quattro attori… un regista… due assistenti… due settimane di tempo. Questo lavoro nasce dall’idea di un regista professionista, Matteo Tarasco, il quale ha proposto a quattro attori amatoriali, assidui frequentatori dei suoi seminari, di scrivere, realizzare e portare in scena uno spettacolo di circa un’ora in sole due settimane. I quattro: Cristiano Cardin, Enrico Dota, Pasquale Locurcio e Mario Maschio hanno accettato la sfida con incosciente entusiasmo e nel tempo stabilito, lavorando con il regista, tra di loro e con l’aiuto fondamentale di due assistenti alla regia (Lara Tonon e Federica Rosellini), hanno raggiunto lo scopo. Si parte dall’Enrico IV di Pirandello e dall’idea di raccontare le vicende dei quattro attori che interpretano i nobili consiglieri dell’imperatore quando non sono presenti in scena.

In poco più di due giorni di intensa improvvisazione si è creato un testo verosimile (prendendo anche spunto da Pinter ed il teatro dell’assurdo, con lievi sfumature che possono ricordare le follie cinematografiche pulp di Tarantino) che dopo essere stato studiato ed imparato in una settimana è stato ripreso, affinato ed ultimato durante le ultime tre notti nuovamente assieme al regista. Il testo brillante e attuale si sviluppa come una commedia per poi deviare alla fine degli eventi in tragedia, aspra ed ironica, lasciando altresì alcune situazioni sospese ed irrisolte.